Home

Questo blog è un blog di quelli lenti, dove uno scrive quando ne sente il bisogno. E il bisogno, ai tempi dell’inaugurazione, era tornare a Berlino, una notte. Una notte della magnifica estate 2006.

E il blog è lento, quindi, e parla di calcio. Ma poi capita il bisogno di scrivere d’altro, e così può darsi che ci troverete, en passant, altre cose.

Tutto questo per dire che ho letto un’intervista di Bersani al Fatto Quotidiano, nella quale il segretario dei Democratici dichiara:

Lasciamo stare queste polemiche, pensiamo ad organizzare i progressisti. Io chiedo solo che i progressisti si rendano conto che in una situazione europea ed italiana in cui c’è rischio di populismo e di regressione, bisogna rivolgersi a tutte le forze moderate, democratiche ed europeiste per un patto di legislatura. Io sono progressista, io spero che sia chiaro, non posso passar la vita a rispondere sempre alla stessa domanda.

Di una dichiarazione così, non si capisce nulla. E non si capisce nulla perché non esiste assolutamente chiarezza sui termini utilizzati. Cosa significa «progressisti»? E «moderati»? E’ moderato chi definisce come «incivile» il matrimonio tra omosessuali? Per non parlare poi di «democratici», e su questo sfioriamo il cortocircuito. E poi, chi ha il diritto di mettere le etichette?

Perciò, che Bersani dia una definizione dei termini che usa. Perché, altrimenti, la qualità del dibattito rimane quella che è, con il rischio di scambiare il compromesso con la moderazione.

Ci provò anche Hector Cuper, a trovare una definizione per Alvaro Recoba – giocatore poliedrico e con un mancino eccezionale -, in una memorabile conferenza stampa, durante la quale si chiese:

Recoba è un centrocampista? No, yo credo che no! Recoba è un’ala? No. Recoba è un trequartista? Mmmmmh… Recoba è un attaccante che svaria su tutto il fronte offensivo? Si!

E fu così che, data la difficoltà nel definire precisamente El Chino, nella partita successiva Cuper schierò Recoba come esterno di centrocampo, a sinistra. Un ruolo per nulla azzeccato, scarsamente conciliabile con le caratteristiche del giocatore, ma del tutto coerente con la vaghezza della definizione: «un attaccante che svaria su tutto il fronte offensivo» vuol dire tutto, e non vuol dire niente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...